Pierre Gasly (AT03-01, Car 10)
Prima Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:20.456, 13° pos., 28 giri
Seconda Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:19.730, 15° pos., 28 giri

“Ero abbastanza soddisfatto del mio giro e sono riuscito a metterne insieme uno buono nelle PL2. Sotto il profilo delle performance non siamo ancora a posto. Scivoliamo troppo, quindi dovremo vedere cosa modificare in vista di domani per essere più veloci. Non ci sono grandi problemi di bilanciamento e mi sembrava di essere davvero al limite, mettendo insieme un giro pulito, ma il cronometro non sembra riflettere questa sensazione e quindi dovremo analizzarlo stasera. Secondo le previsioni, domani ci aspettano delle qualifiche bagnate, condizioni in cui adoro guidare. Speriamo di trovare qualche soluzione per migliorare la vettura, ma un po’ di pioggia non sarebbe male per noi”.

Yuki Tsunoda (AT03-03, Car 22)
Prima Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:20.695, 14° pos., 27 giri
Seconda Sessione di Prove Libere – Miglior Giro: 1:20.521 19° pos., 31 giri

“Rispetto alla Francia, dove la vettura si comportava abbastanza bene, oggi sembra di aver fatto un passo indietro. Qui in Ungheria il bilanciamento della vettura non è ancora l’ideale, sto faticando tanto e insieme agli ingegneri dovremo scoprire qual è il problema, così da poter migliorare per domani. Pare che in qualifica pioverà, non so ancora bene cosa pensare: dipende da quello che riusciremo a fare durante la notte e da quanto passo riusciremo a trovare nelle PL3”.

Jonathan Eddolls (Chief Race Engineer)

“Siamo arrivati in Ungheria già preparati, abbiamo imparato molte cose sul nostro nuovo pacchetto aerodinamico la scorsa settimana in Francia. Abbiamo adattato l’assetto a questo circuito ed effettuato una serie di test sulle due vetture per migliorare il bilanciamento. Nelle PL1 abbiamo utilizzato pneumatici Hard e Soft. Le Hard avevano un’aderenza molto bassa rispetto alle nostre aspettative e quindi il passaggio alle Soft è stato notevole, per cui non abbiamo massimizzato le prestazioni nei primi run. Le prestazioni delle Hard sono state evidenti anche nel long run delle PL1. La pista era molto calda e con le sollecitazioni dell’Hungaroring le gomme hanno faticato, facendo emergere un degrado elevato. Le modifiche fatte per la PL2 miravano a risolvere questi problemi. Non siamo riusciti a trovare più aderenza con le Soft e dobbiamo capire il perché, aggiornando di conseguenza l’assetto per risolvere il problema. Le prestazioni mostrate oggi non sono in linea con le nostre aspettative, abbiamo parecchio lavoro da fare stasera. Domani c’è l’incognita sulle condizioni meteo e quella di oggi potrebbe esser stata l’ultima sessione asciutta prima della gara. In ogni caso, continueremo a spingere per capire i limiti e cercare di migliorare per il resto del fine settimana”.